Ancora dubbi su cosa fa esattamente e come il PPP/PPPOE

Discussioni legate al Web, connessioni, provider, Emule, E-mail, reti Lan, Wan, Pan, Wireless, Vpn.
Rispondi
foxone
Sulla buona strada
Sulla buona strada
Messaggi: 46
Iscritto il: 14/08/2018, 11:46
Stato: Non connesso

Ancora dubbi su cosa fa esattamente e come il PPP/PPPOE

Messaggio da foxone » 13/05/2019, 17:16

Ciao,
Sto leggendo un po' sul networking, però a volte è difficile capire come stanno realmente le cose e come funzione in pratica un protocollo di rete, anche perché la maggior parte di questi articoli e libri che leggo sono in inglese.

Non ho trovato comunque fino ad ora un articolo che fosse in grado di fugare completamente i mie dubbi sul funzionamento del PPPOE, almeno in linea di massima. Non intendo diventare un esperto e sapere in profondità e nei minimi dettagli come funziona e cosa fa questo protocollo.

In particolare, mi interesserebbe capire se tutti i dati che devono essere inviati al proprio ISP (prima di poter andare in Internet) devono essere incapsulati (PPP) con questo protocollo o se esso serve solo per autenticarsi e una volta fatto ciò ed aperto una sessione, diciamo, col proprio ISP i dati vengono inviati utilizzando le tecnologie tipiche di rete cioè i pacchetti o meglio i frame.
So che per quanto riguarda la DSL c'è bisogno di un modem per modulare/rimodualre il segnale per farlo viaggiare attraverso i canali delle linee telefoniche tradizionali.
Mi domando quindi anche se il PPPOE sia ancora necessario e utilizzato in caso ci fosse una linea di ultima generazione tipo la fibra (e parlo di vera fibra non VDSL) che colleghi al proprio ISP.
Insomma ci sono un po' di cose che dovreste aiutarmi a capire e mettere a posto.
Grazie

LoryOne
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 39
Iscritto il: 19/07/2018, 9:56
Stato: Non connesso

Re: Ancora dubbi su cosa fa esattamente e come il PPP/PPPOE

Messaggio da LoryOne » 07/06/2021, 10:50

Beh, credo sia un po difficile capire esattamente cosa faccia il PP senza capire com'è strutturato, su quale strato della connessione di rete poggi e su quali altri livelli possa essere eventualmente inglobato, vedasi PPo(ver)E(thernet) o PPo(ver)A(TM). Le RFC sono in inglese perchè essendo un protocollo aperto deve essere conosciuto a tutti, soprattutto a chi produce il software in uso sulla base dell'hw predisposto che deve "pilotare".
Wikipedia fornisce già una base con indicazione delle RFC impiegate e procedendo nella lettura è già intuibile come, visto che il Provider fornisce accesso a internet su linea telefonica, non sia impensabile inglobare servizi come il DHCP con DNS: Probabilmente, se dai uno sguardo al log del tuo router nelle fasi iniziali di allaccio, puoi identificare alcuni dei parametri che vengono menzionati in Wikipedia.
Purtroppo, i log non sono così dettagliati e per avere il quadro completo dovresti intercettare il traffico direttamente sul router ed in parte decrittarlo, prima ancora che sulla tua scheda di rete.
Ricercare in internet è una gran cosa, ma non sempre cio che si trova è soddisfacente...acquistare un libro sul TCP/IP è la cosa che ti consiglio perchè prendere in esame i livelli OSI ed anche il PP, ormai è gioco forza.
Spendere soldi in libri (cartacei o no), a mio avviso, son sempre soldi ben spesi.
Practice feeds Skill,Skill limits Failure,Failure enhances Security,Security needs Practice

Rispondi