Sistemi di storage e loro convenienza-affidabilità

**Fate largo agli smanettoni**
Discussioni su CPU, schede, periferiche, driver, Bios, dissipatori, modding.
Rispondi
Utente Cancellato 48
Ospite
Ospite
Stato: Non connesso

Sistemi di storage e loro convenienza-affidabilità

Messaggio da Utente Cancellato 48 » 17/08/2018, 18:14

Parliamo (se vi va) di supporti per la memorizzazione e soprattutto conservazione dei dati.

Personalmente conosco le seguenti tipologie di prodotto facilmente reperibili:
  • SSD e chiavette
  • CD - DVD - Blu-ray
  • HD (a se stanti e/o nelle varie combinazioni RAID)
  • Unità a nastro
La conservazione in locale (personalmente considero il cloud "gratis" solo fuffa per analfabeti informatici) la vedo come unica strada percorribile ma purtroppo anche piena di subdoli ostacoli ...

SSD e chiavette
Oggi, da quanto leggo, SSD e chiavette la fanno da padroni e tutti tendono a memorizzare (spero per loro solo temporaneamente o per brevi periodi) le informazioni su questi supporti. Va da se che se devi "passare" archivi all'amico di turno o trasferirli su altra macchina questo è il sistema più pratico e veloce, anche perché qualsiasi cosa succeda ai dati a causa del trasferimento nulla viene perso, basta (al limite) cambiare il supporto e ripetere l'operazione per raggiungere lo scopo. Rimane una scocciatura, ma solo quella.

Altra cosa è invece la memorizzazione per lunghi periodi (affidabilità) e il costo per unità di dati: pur essendo molto ribassati i prezzi rimane un costo al MB decisamente sfavorevole, ma il peggio è che anche acquistando i migliori supporti disponibili (e anche più costosi) non hai la relativa certezza che i dati in essi contenuti possano durare, se non 30anni, almeno 5-10anni causa le variabili dell'elettronica stessa o (so che sembra un'inezia) l'imperizia d'uso.

CD - DVD (DL) - Blu Ray
Al contrario di SSD e chiavette, l'uso di un supporto "scolpito" fisicamente dalla "bruciatura" sarebbe un teorico salto di qualità.
La perdita di dati, con supporti di buona qualità, dovrebbe superare i 10 anni (sempre se i supporti "incisi" vengono stoccati in modo adeguato) e il prezzo (c.a. 15 centesimi al GB) è senza dubbio abbordabile... ;)

Questo tipo di storage ha il problema della dipendenza dall'hardware (come del resto tutte le tipologie analizzate) a cui si aggiunge l'incognita del recupero-lettura dei dati dal supporto: al momento non è affatto difficile reperire supporti vergini DVD-DL (e limitatamente quelli per Blu-ray anche se i costi sono lievitati) ma tendenzialmente diventerà sempre più difficile reperire masterizzatori e in ultima analisi lettori per la lettura dei dati archiviati.

Per quanto riguarda i DVD il dato non è ancora fortemente preoccupante, ma che il mercato sia morente è un dato sotto gli occhi di tutti.
Riguardo i Blu-ray siamo ancora messi peggio e i prezzi (causa l'uscita dal mercato dei grossi marchi) sono in discesa sull'hardware ma in salita nei supporti.

HardDisk
Per lo storage in locale personalmente prediligo questa scelta anche se non mancano dubbi sull'affidabilità. Gli HD come tutti sappiamo sono i supporti magnetici al più basso costo disponibile (un HD da 6T ha oggi un costo al GB di c.a. 0,026€) ma come tutti gli altri supporti l'affidabilità dipende soprattutto dall'hardware.
Il soprattutto deriva dal fatto che il firmware del disco dovrebbe (ma non so con quali scadenze) far "rivivere" i settori disco più "vecchi" con una routine di lettura-scrittura automatica che si attiva in basso utilizzo per prevenire il normale decadimento magnetico del supporto.
Questa è una parte che mi piacerebbe sviscerare e sulla quale non ho trovato un granché sulla rete... dovrebbe bastare lasciare acceso e collegato al controller il disco... peccato che la funzione cessa, nel caso e come spesso succede, se il disco va a "riposo" pur essendo alimentato e connesso.

Differentemente dagli altri metodi, teoricamente è sempre possibile recuperare in camera bianca dati da dischi in cui l'elettronica si è "fritta" ma con i costi che ne consegue tale operazione.

Cercando di salvare capra e cavoli ho optato per un RAID5 esterno di cui faccio copia su disco singolo a titolo di backup. Non è la soluzione ideale ma non ne ho trovate di migliori a basso costo.

Unità a nastro
Vecchie come chi scrive (ed oltre) rimangono il mezzo più sicuro per il backup.
Con quali prezzi? Avreste qualcosa da consigliare (sempre per un uso casalingo)?

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate sull'argomento... :)

xilo76
Senior Member
Senior Member
Messaggi: 36
Iscritto il: 29/07/2018, 10:24
Stato: Non connesso

Re: Sistemi di storage e loro convenienza-affidabilità

Messaggio da xilo76 » 18/08/2018, 9:39

Carta e penna. ;)

Utente Cancellato 48
Ospite
Ospite
Stato: Non connesso

Re: Sistemi di storage e loro convenienza-affidabilità

Messaggio da Utente Cancellato 48 » 18/08/2018, 12:51

Spiritoso... :lol:

UUENCODE sai quanta carta richiede?
Matto si, ma ... la carta degrada ancora prima... oppure facciamo un sistema che salva l'UUENCODE "bruciando" un foglio di alluminio (ancora meglio acciaio inox) da depositare in cassaforte... ti va? :whistle:

Utente Cancellato 61
Ospite
Ospite
Stato: Non connesso

Re: Sistemi di storage e loro convenienza-affidabilità

Messaggio da Utente Cancellato 61 » 18/08/2018, 13:08

Con l'ultimo trasloco che ho fatto, ho svuotato i cassetti pieni di cd/dvd con musica e film, età dei supporti 10-15 anni circa, ho provato a trasferirli su un hard disk esterno ma ne ho buttati via un sacco, di marca e non di marca, tutti illeggibili o parzialmente danneggiati.
Per adesso solo hard disk esterni, per i dati più importanti doppio salvataggio per essere più sicuro.

Utente Cancellato 48
Ospite
Ospite
Stato: Non connesso

Re: Sistemi di storage e loro convenienza-affidabilità

Messaggio da Utente Cancellato 48 » 18/08/2018, 13:16

Mai pensato al backup su nastro?
Oggi ha prezzi folli (si parte dai 500€ per qualcosa entrylevel) ma se i dati fossero veramente importanti...

Per la demagnetizzazione degli HD c'è questo: loro consigliano un passaggio ogni 3 mesi, ma francamente mi sembra troppo ravvicinato, magari il disco si rompe, ma perdere dati per corruzione del magnetismo dopo appena 3 mesi dalla scrittura mi sembra veramente eccessivo.

Sto' cavolo di firmware dovrebbe poi fare la stessa cosa ma in maniera trasparente...

Backup OK, ma è comunque una falsa sicurezza se vai di HD singolo (in RAID5 cambia il discorso). Tutti i dischi che mi hanno "abbandonato" non mi hanno dato avvertimenti e francamente temo anche per il RAID5 esterno... se si rompe l'elettronica come leggi il contenuto dei 4 HD in RAID??

Ho installato Crystal Disk Info per tentare di evitare il problema, ma se la meccanica ti abbandona non ci sono caxxi...

Utente Cancellato 61
Ospite
Ospite
Stato: Non connesso

Re: Sistemi di storage e loro convenienza-affidabilità

Messaggio da Utente Cancellato 61 » 18/08/2018, 14:34

retalv ha scritto:
18/08/2018, 13:16
Mai pensato al backup su nastro?
Per uso casalingo? Non credo che ne valga la pena, non ho poi cose così fondamentali da salvare.
Doppio salvataggio, su due hard disk diversi, solo per i documenti personali, tutto il resto si può riscaricare se proprio ci tengo così tanto.

Utente Cancellato 48
Ospite
Ospite
Stato: Non connesso

Re: Sistemi di storage e loro convenienza-affidabilità

Messaggio da Utente Cancellato 48 » 18/08/2018, 20:57

Capisco, ma nulla è eterno, tantomeno sul WEB ... ovvio che stiamo parlando di lana caprina, ma il problema esiste e dipende solo da quanto si vuol rischiare di perdere quei particolari dati... più duplichi meno problemi hai ma ...

Rispondi