macOS 10.14 Mojave: ecco i dispositivi tagliati fuori dal supporto

Nuovo OS Apple, vecchi computer tagliati fuori. Che siano ancora validi o meno all’azienda di Cupertino non importa: sono obsoleti.

La Apple ha la fortuna/sfortuna di preparare prodotti che abbiano un sistema operativo completamente integrato con i dispositivi. Questo porta dei vantaggi in senso di performance e sicurezza, ma svantaggi come nel caso degli aggiornamenti. Un iPhone 5, che già ha perso un po’ di nuove versioni, a poco a poco vedrà andar via le proprie app. A chi importa se non sono aggiornate? Beh, non tutte le app senza aggiornamenti possono funzionare. Ad esempio WhatsApp può resistere un po’, ma poi sarai costretto a cambiare smartphone. Questo perché Apple impone agli sviluppatori, molto spesso, di usare ambienti di sviluppo che escludono a priori i vecchi modelli. Con macOS 10.14 Mojave ci sono stati molti tagli e a quanto pare, sembra che per la maggior parte dei computer debbano essere non più vecchi di 6 anni (eccetto i MacBook) per poter funzionare.

Elenco dei dispositivi supportati da macOS Mojave

macOS Mojave è supportato su questi dispositivi:

  • iMac: fine 2012 o più recente
  • MacBook: inizio 2015 o più recente
  • MacBook Pro: metà 2012 o più recente
  • MacBook Air: metà 2012 o più recente
  • Mac mini: fine 2012 o più recente
  • Mac Pro: fine 2013 o più recente o metà 2010/metà 2012 con GPU che supporta Metal

 

Dunque, tutto il resto è tagliato fuori. Cosa cambia? Beh, praticamente nulla. Il tuo Mac continuerà a funzionare, ma come ho già detto nell’esempio degli iPhone piano piano non avrà più aggiornamenti. Chrome non navigherà più, Firefox neanche e non ci saranno più patch di sicurezza. Sono problemi che sorgono negli anni, fortunatamente, ma che fanno adirare i proprietari di Mac di tutto rispetto con processori i7, tagliati fuori non perché incompatibili ma semplicemente per una decisione di marketing.

Questa “dittatura del supporto” l’ho potuta confermare io personalmente. Ho due iPad, comprati in momenti diversi. Uno lo presi nuovo nel 2011 (un iPad 2, ormai un dinosauro) e l’altro usato lo scorso anno (un iPad mini prima serie). Si passano di un anno, ma internamente hanno gli stessi identici componenti. Ma allora perché l’iPad 2 non ha mai avuto Siri e il mini ce l’ha? Ripeto, sono configurazioni esattamente uguali. Eppure iPad 2 è incompatibile, iPad mini pienamente compatibile. Ciò significa che la maggior parte delle incompatibilità non è altro che una scelta di marketing. Ah, e per i più esperti che potrebbero pensare che iPad 2 sia meno performante del Mini perché ha un display più grande e quindi deve gestire una risoluzione maggiore…non è così. Entrambi hanno una risoluzione di 1024×768.

Francesco Grecucci

Sono nato a Taranto e mi sono diplomato in Informatica e Telecomunicazioni. Ho questo blog dal 2016 e cerco sempre di migliorarlo, ogni giorno. Mi piacciono molto anche la musica, il vintage, le fotografie. Amo molto scrivere, non solo di informatica, ma anche di narrativa. 😉

Francesco Grecucci

Francesco Grecucci

Sono nato a Taranto e mi sono diplomato in Informatica e Telecomunicazioni. Ho questo blog dal 2016 e cerco sempre di migliorarlo, ogni giorno. Mi piacciono molto anche la musica, il vintage, le fotografie. Amo molto scrivere, non solo di informatica, ma anche di narrativa. ;)