Cosa fare se Ubuntu si avvia con GRUB Rescue> o GRUB>

Ubuntu ha la necessità di GRUB per avviarsi e funzionare. Quando qualcosa in lui non va, si può incorrere in una schermata spesso spiazzante.

Molto spesso accade questa situazione. Un Ubuntu fresco d’installazione, un te felice di provarlo o di utilizzarlo. Riavvii il computer dopo il setup ed appare una schermata nera a scritte bianche con un prompt. Al suo interno vi è scritto GRUB> o GRUB RESCUE>. Cosa hai sbagliato? Di sicuro, se hai utilizzato il partizionamento manuale a configurare il boot loader. Se invece hai utilizzato il partizionamento automatico, c’è stato qualche incidente di percorso da parte dell’installer di Ubuntu.

Questa schermata, però, può apparire anche dopo giorni o persino mesi dall’installazione semplicemente riaccendendo il computer dopo averlo tranquillamente utilizzato. Dunque, prima di prendere in mano il DVD o la chiavetta di installazione e perdere tutto, è possibile ancora salvare il nostro PC e soprattutto la nostra sanità mentale.

Verificare se il resto è OK

La buona notizia è che la schermata GNU GRUB significa che qualcosa dall’hard disk o dal SSD funziona. Semplicemente c’è qualcosa che non va nel caricamento di Ubuntu. Puoi fare in modo che questo venga avviato manualmente, semplicemente impartendo alcuni comandi.

Trovare la giusta partizione nel disco giusto

Se hai più partizioni o più dischi, potresti avere delle difficoltà. Tuttavia, digita questo comando

ls

E’ il banalissimo list, che elenca tutti i file e le cartelle. In questo caso, però, elenca le partizioni e i dischi presenti. Molto spesso, il risultato del comando è un qualcosa di questo tipo:

(hd0) (hd0,msdos1) (hd0,msdos2) (hd0,msdos3)

bene, quali di queste tre partizioni sarà quella giusta? Ti toccherà digitare questo comando

ls (hdX,msdosX)

dove X sta per il numero corrispondente, in cerca della partizione contenente il sistema operativo. Come fare a capire qual è quella giusta? Semplicemente se appaiono alcune di queste cartelle in output:

etc/ media/ bin/ boot/ dev/ home/ lib/ mnt/

L’importante è che ci sia boot.

Rendere la partizione il percorso da seguire all’avvio

Una volta che hai trovato la partizione di sistema, dovrai renderla una partizione di avvio. Digita innanzitutto questo comando per specificare dove si trovano i file di avvio di Ubuntu:

set prefix=(hdX,msdosX)/boot/grub

poi rendi la partizione di sistema anche il disco radice (e cioè quello principale)

set root=(hdX,msdosX)

verifica che sia divenuto effettivamente radice con

ls /

Avviare Ubuntu

digita il comando

lsmod normal

e poi

normal

per vedere comparire la normale schermata di avvio.

Se dovesse comparire questa schermata, premi INVIO su Ubuntu.

Se non si sono verificati ingenti danni al sistema operativo, possiamo procedere per ripristinare il Boot Loader.

Ripristinare GRUB

Una volta entrato in Ubuntu, digita sul terminale

sudo update-grub

per aggiornare il file di configurazione ed adattarlo al sistema operativo.

Se non dovesse funzionare al secondo avvio

Ripeti tutti i passaggi precedenti per avviare nuovamente Ubuntu in “modalità manuale” ed utilizza il software boot-repair. Per installarlo:

  1. Apri il Terminale e digita:
    sudo add-apt-repository ppa:yannubuntu/boot-repair
    
    
    
  2. Aggiorna i pacchetti con:
    sudo apt-get update
  3. Installa boot-repair:

    sudo apt-get install -y boot-repair
  4. Avvialo digitando:
    boot-repair
  5. Una volta avviato, ti mostrerà tutte le opzioni di avvio presenti. Fai click su Riparazione raccomandata e verifica che sia andato tutto a buon fine con un buon riavvio.

Risultati immagini per boot-repair italiano

Nota Bene

  1. Le partizioni, nei computer con firmware UEFI possono chiamarsi (hdX, gptX) e non (hdX, msdosX) come nei computer con BIOS tradizionale.
  2. Boot-repair, può essere anche installato su una distribuzione live, nel caso in cui Ubuntu non dovesse avviarsi per nulla anche coi comandi su GRUB Rescue.

 

Francesco Grecucci

Mmh…c’è tanto da dire, ma non ti annoierò! Ho questo blog dal 2016 e studio all’ultimo anno di Informatica alle superiori a Taranto, in Puglia. Mi piacciono molto i vecchi computer, la fotografia e la musica. Ho anche scritto un libro, ma quella è un’altra storia…

Francesco Grecucci

Francesco Grecucci

Mmh...c'è tanto da dire, ma non ti annoierò! Ho questo blog dal 2016 e studio all'ultimo anno di Informatica alle superiori a Taranto, in Puglia. Mi piacciono molto i vecchi computer, la fotografia e la musica. Ho anche scritto un libro, ma quella è un'altra storia...

Leave a Reply

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?