Bus Simulator 16: Recensione

Per gli appassionati di simulazione, ecco Bus Simulator 16. Uno dei tanti simulatori di guida per autobus pubblici. 

Questo videogioco è di sicuro per una nicchia di appassionati, dunque non si possono pretendere altissimi livelli. Mi sarei aspettato di più, davvero. La grafica è abbastanza standard, nulla di che. Una simulazione abbastanza semplice, se non un po’ ripetitiva.

In sostanza, sei il gestore (nonchè) autista di una compagnia di trasporti pubblici. Sarai proprio tu ad acquistare gli autobus, ad assumere gli autisti e – soprattutto – a decidere le tratte da percorrere con le relative fermate. Una volta creato le tratte – dopo aver superato il primo livello o il tutorial – devi solo progredire.

Una simulazione abbastanza basic, semplicemente guidando l’autobus e fermandosi alle relative fermate. Gli autobus non sono di marca, come su Euro Truck Simulator e il livello di simulazione è abbastanza semplice. Volevo giocare con tutti i pulsantini che ci sono sull’autobus che prendo per andare a mare la mattina, ma nulla, mi sono illuso. Se domattina vado a mare ci gioco con quello reale mentre è al capolinea.

Scherzi a parte, ciò che avevo notato nel gameplay era un basso framerate. Credevo fosse il video e invece no! Non supera i 30 fps anche in modalità a basse prestazioni.

Interessanti invece i dialoghi anche sottotitolati in basso a destra e la particolare attenzione verso le penalità: frenata troppo brusca, aria condizionata troppo forte, etc. Se commettiamo un incidente grave (come mettere sotto un pedone) la corsa verrà annullata. Noiosissima la gestione dei biglietti, dove dobbiamo continuamente dare il resto a quasi ogni persona che entra nell’autobus. Ma alla fine, questa è la realtà!

 

Francesco Grecucci

Mmh…c’è tanto da dire, ma non ti annoierò! Ho questo blog dal 2016 e studio all’ultimo anno di Informatica alle superiori a Taranto, in Puglia. Mi piacciono molto i vecchi computer, la fotografia e la musica. Ho anche scritto un libro, ma quella è un’altra storia…

Francesco Grecucci

Francesco Grecucci

Mmh...c'è tanto da dire, ma non ti annoierò! Ho questo blog dal 2016 e studio all'ultimo anno di Informatica alle superiori a Taranto, in Puglia. Mi piacciono molto i vecchi computer, la fotografia e la musica. Ho anche scritto un libro, ma quella è un'altra storia...